Questo Sito utilizza cookie analytics di terze parti al fine di raccogliere informazioni aggregate sul numero degli utenti e su come visitano questo Sito. Se vuoi sapere di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

This site uses cookies analytical third party in order to collect aggregate information on the number of users and how to visit this site. If you want to know more or wish to refuse the consent to some or all cookies please click here. By closing this banner or accessing any of the underlying content you are expressing your consent to the use of cookies.

Step 1 STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE GENERALE

Step 01 - Do's
Do's

Suddividi le informazioni in paragrafi brevi e segui una struttura precisa di massimo 2 pagine: chiarezza e capacità di sintesi sono doti molto apprezzate. Per essere un candidato unico nel tuo genere, allora dev’esserlo anche il tuo CV: rappresentalo in modo creativo e accattivante (senza mai esagerare).
Privilegia l’utilizzo di parole compatibili con il tuo settore di esperienza e quello per il quale ti stai candidando: cerca l’ispirazione su profili LinkedIn d’interesse e, possibilmente, di discreto successo. Infine salva tutto in formato pdf e nominalo con un semplice “nome_cognome”.

Step 01 - Don'ts
Don'ts

Il curriculum non deve MAI essere confusionario perciò segui sempre la struttura che ti sei prefissato, evita il blocco unico di testo e i giri di parole. Un incipit poco chiaro avrà un solo inevitabile epilogo: il cestino.
Inoltre considera il CV come la prima impressione che si ha di te, dunque evita la noia del formato europeo e stermina sul nascere qualsiasi errore ortografico. Evita di stilare un profilo poco coerente con quanto dichiari sui social media e su LinkedIn: non stai chiedendo lavoro alla CIA quindi la doppia identità non è richiesta, anzi insospettisce.

10%

Step 1 STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE GENERALE

Step 1
10%

Step 2 foto

Step 02 - Do's
Do's

Ricorda che la foto non sempre è richiesta. Qualora lo fosse, scegline una in cui sei sorridente, ordinato e vestito secondo gli standard del lavoro che stai cercando: farai una buona impressione al tuo interlocutore e farai felice la mamma.

Step 02 - Don'ts
Don'ts

Evita foto al mare, con amici, di notte, con occhiali da sole o in contesti non esattamente idonei all'ambito lavorativo: spulciare dall’album estivo su Facebook è un’azione che non porterà a molti like. Fidati.

20%

Step 2 foto

Step 2
20%

Step 3 dati anagrafici e personali

Step 03 - Do's
Do's

Non dimenticare l'obiettivo del tuo CV: farti chiamare per un colloquio! Quindi in testa, di fianco alla foto, scrivi in modo chiaro:

  • i tuoi dati anagrafici (nome, cognome, data e luogo di nascita, indirizzo di residenza);
  • i tuoi recapiti telefonici, e-mail, contatto Skype e LinkedIn (il primo incontro molto spesso è virtuale);
  • la patente di guida (se sei automunito) e lo stato civile.

Ricordati di riportare i tuoi dati principali nella sezione in alto a sinistra di ogni pagina: aiuteranno il selezionatore a contattarti rapidamente.

Step 03 - Don'ts
Don'ts

Quando si tratta di indirizzo mail dimentica la tua passione per giochi di parole, numeri e vezzeggiativi: crea un account credibile e professionale (un semplice nome.cognome@mail.it), che non sia quello lavorativo. In stato civile, nel caso fossi single, è preferibile descriverti come “libero/a” e non come “nubile/celibe”: il dolce stil novo, ahimé, è finito. Inoltre non è strettamente necessario inserire un’eventuale esperienza militare: citala solo nel caso in cui sia stata particolarmente qualificante, altrimenti congedala.

30%

Step 3 dati anagrafici e personali

Step 3
30%

Step 4 istruzione

Step 04 - Do's
Do's

Descrivi la tua esperienza scolastica per punti partendo sempre dalla più recente e specificando tipologia di studi, nome degli istituti, data d’inizio e fine di frequentazione accademica e, se hai una laurea, l’anno di conseguimento e la votazione.
Più conciso sarai e più alzerai la tua media colloquio.

Step 04 - Don'ts
Don'ts

Non riportare il titolo e l’argomento della tua tesi se non è strettamente pertinente con la professionalità richiesta dall’azienda.
Inoltre se il tuo voto di maturità non è proprio il massimo, non inserirlo e schiva un inutile imbarazzo:
ci potrebbero essere altri candidati più secchioni di te.

40%

Step 4 istruzione

Step 4
40%

Step 5 esperienza lavorativa

Step 05 - Do's
Do's

Narra a ritroso le tue esperienze lavorative e, per ogni azienda, descrivi il suo settore o sotto-settore merceologico (un esempio a caso? Telecom Italia → telecomunicazioni). Inoltre indica la figura professionale sotto la tua responsabilità e il tuo interlocutore interno ed esterno all’azienda: poter inquadrare facilmente chi sei e cosa fai è fondamentale.
Riporta anche le tue prime esperienze lavorative rilevanti, magari dei tempi dell’università: essere capaci di studiare e lavorare contemporaneamente è un buon biglietto da visita.

Step 05 - Don'ts
Don'ts

Sai descrivere ciò che fai in una parola? Se la risposta è no, ricorrere all’immaginazione non è mai una buona soluzione quindi non descrivere job title esageratamente creative. Non lasciare MAI buchi temporali nel tuo CV a meno che tu non voglia suscitare desolazione, incertezza e sgomento.
Una cosa che devi assolutamente evitare? L’utilizzo di termini banali come “coordinamento”, “gestione” e “supervisione” poiché sono la prima causa di sbadigli negli uffici di tutto il mondo.

50%

Step 5 esperienza lavorativa

Step 5
50%

Step 6 CAPACITÀ E COMPETENZE PERSONALI E SOCIALI

Step 06 - Do's
Do's

Poni in risalto le tue soft skill attraverso la descrizione di eventuali obiettivi raggiunti, premi studio vinti o abilità sviluppate. Per quanto riguarda i tuoi interessi cerca di citare quelli più importanti e che comunicano una skill in più.
Qualche esempio? Sport di squadra = team player, avere un tuo blog = capacità comunicative.
Inoltre se fai attività sociali, come per esempio il volontariato, è sempre meglio inserirle: se il tuo interlocutore è sensibile all’argomento, farai subito breccia nel suo cuore.

Step 06 - Don'ts
Don'ts

Ricorda che questa è una parte altamente personalizzabile quindi evita di essere vago, anzi fornisci delucidazioni sulle tue competenze utilizzando esperienze dirette. Inoltre fai attenzione al rapporto fra la capacità scelta e il lavoro per il quale stai mandando il curriculum: se non c’è alcun nesso fra i due, allora è meglio se la tieni per te. Non sei alla fiera del collezionismo e la tua passione per i francobolli potrebbe non essere così entusiasmante.

60%

Step 6 CAPACITÀ E COMPETENZE PERSONALI E SOCIALI

Step 6
60%

Step 7 COMPETENZE INFORMATICHE E LINGUISTICHE

Step 07 - Do's
Do's

Inserisci tutte le tue competenze informatiche specificando quali programmi sai utilizzare, il tuo livello di conoscenza e se li usi anche al di fuori nell’ambito lavorativo (ad esempio la gestione di un tuo blog). Lo stesso vale per le tue conoscenze linguistiche: per ciascuna lingua specifica le tue abilità scritte, orali e di comprensione e non dimenticare di menzionare eventuali esperienze all’estero come Erasmus e corsi internazionali: il tuo CV farà molta più strada.

Step 07 - Don'ts
Don'ts

Evita di essere poco trasparente sulla tua conoscenza delle lingue poiché è un nodo che può venire al pettine alla prima domanda del primo colloquio: do you understand? E se per te l’utilizzo di alcuni software è comparabile alla lettura e comprensione dei geroglifici, non ti preoccupare ed evita di menzionare capacità che non possiedi assolutamente: facendo il brillante senza motivo rischi seriamente di accecarti con le tue stesse mani!

70%

Step 7 COMPETENZE INFORMATICHE E LINGUISTICHE

Step 7
70%

Step 8 referenze

Step 08 - Do's
Do's

Quello che dicono di te vale più di mille presentazioni: più referenze hai meglio è, solo non ti dimenticare di specificarne nome, cognome, contatto e ruolo aziendale.
Scegli delle referenze attendibili che possano realmente accertare le tue competenze e che ricoprano ruoli riconosciuti.

Step 08 - Don'ts
Don'ts

Vanno bene le referenze ma cerca di non esagerare! Anche se in molti ti conoscono e ti apprezzano non stilare una lista infinita di contatti o finirai per essere poco credibile.
Ricordati che su Internet è possibile verificare la reale vicinanza alle referenze indicate.

80%

Step 8 referenze

Step 8
80%

Step 9 lettera di presentazione

Step 09 - Do's
Do's

Inviare il proprio curriculum accompagnato a una tua lettera di presentazione è fondamentale. Descrivi la tua motivazione in termini di know how che vuoi acquisire e di aspettative di carriera. Invia lettere di presentazione personalizzate rispetto ad ogni singola offerta, in modo che siano quasi “una lettera d’amore” verso l’azienda: citare un progetto che ti ha colpito è un buon colpo.

Step 09 - Don'ts
Don'ts

Non dimostrare chiusure assolute verso la mobilità: se non sei molto propenso a viaggiare descrivi la tua disponibilità come “temporanea” e non come “zero”, “mai”, “ma proprio no”. E non essere troppo autoreferenziale e pomposo nel presentarti: dosa l’ego se non vuoi passare da competente a presuntuoso.

90%

Step 10 conclusioni

Step 10
PERFETTO

Hai appena scoperto che per fare il tuo Curriculum Vitae non ci vuole una vita, ma 9 semplici step.
Ora fanne tesoro e usa questo tutorial virtuale nella tua vita reale!

100%